Come recuperare un BIOS Danneggiato

553
418

Procedimento:
Ecco la procedura da seguire per poter riparare un’eventuale Chip del Bios danneggiato.

· Dopo aver spento la scheda madre si toglie il Chip danneggiato.
· Se si ha una seconda scheda madre identica si fa il Boot con quella senza togliere il Chip da quest’ultima.
· Dopo aver fatto il Boot in modalità DOS e dopo aver verificato che non ci siano dei Virus nel dischetto del Boot si avvia il programmino “awdflash.exe”.
· Per vedere le possibili opzioni di tale programma basterebbe scrivere “awdflash/?”.
· E’ chiaro che dovrete avere anche un dischetto oltre quello dell’avvio dove esiste l’ultimo file del Bios da flashare per la vostra scheda madre. Il file dovrà avere l’estensione “BIN”.
· A questo punto dovete lanciare il programma Awdflash e dovrete fermarvi al momento che vi chiederà di effettuare la nuova scrittura.
· Adesso dovrete smontare il Chip dalla scheda madre e montare quello danneggiato. E’ importante che non toccate nessun componente Hardware perchè la scheda madre dovrà rimanere accesa durante questa operazione.
· Dopo aver montato il Chip danneggiato allora potrete procedere con l’operazione del “Flashaggio” premendo il tasto “Y” (yes).
· A questo punto solo dopo che il programma avrà scritto tutta la memoria EPROM e dopo aver finito potrete fare il riavvio del vostro PC.
· Adesso provate subito ad entrare nel Bios e vedere se funziona tutto bene come prima.

NB E’ probabile che la prima volta il programma non riconoscerà il Chip del Bios danneggiato dicendovi che la EPROM è corrotta o magari che non è compatibile. Se si verifica una cosa del genere significa che molto probabilmente avrete sbagliato qualcosa. Soltanto se non avete una scheda madre identica dovrete procedere come abbiamo fatto noi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here