Guida alla sicurezza su internet

344
491

Guida alla sicurezza Internet, ovvero come difendersi dai Crackers, dai Virus e da i Dialer.

Molti di voi dopo aver letto il titolo, magari si staranno facendo una risata, o pensando: “ma questo ha sbagliato, si chiamano Hackers!”.
Questo è sbagliato!
Le persone che i media definiscono Hackers, se tali, entrerebbero anche nei vostri sistemi, ma non farebbero alcun danno.
Prima di iniziare, voglio che abbiate in mente il concetto che divide queste due parole.

Hackers

Si definiscono tali, gli esperti di informatica che hanno ottime conoscenze per ciò che riguarda Internet e l’integrazione dei sistemi operativi, con essi.
Un Hackers, a parte il fatto che non verrebbe mai ad attaccare, il vostro computer di casa, se anche lo facesse, non lo danneggiarebbe in alcun modo, magari si limiterebbe a cancellare qualche file che possa servire ad identificarlo, e a prelevare il vostro indirizzo di posta, al quale poi magari manderà un’email contenente le spiegazioni per correggere il difetto che ha potuto sfruttare per avere accesso al vostro pc.
Quindi ribadisco il concetto: gli hackers, non sono responsabili degli atti CRIMINALI di cui parlano spesso i mass-media.
L’unico motivo per cui si infiltrano nei computer è o per scopo di aiuto a difendersi “dai cattivi” o per scopo di studio.

Crackers

Loro, sono i veri colpevoli degli atti criminosi che vengono commessi su internet a danno delle società.
Un cracker, definito tale, infatti si infila nel vostro sistema solo per il gusto della sfida, ma non si accontenta di ciò, vuole lasciare un segnale visibile del loro passaggio, o cancellando qualcosa o addirittura tutto.

Parte I – I Firewall

Per evitare che persone o programmi non autorizzati abbiano accesso al vostro computer, esistono da molto tempo dei software, in grado di controllare le comunicazioni tra voi e internet, tali software, si chiamano “Firewall”, in italiano, risulterebbe come “Muro di fuoco”, è un nome che rende abbastanza bene il loro lavoro.
Ogni computer, ha per comunicare con il modem e quindi con internet, a disposizione delle “porte” tali postre consentono lo scambio di dati. Ogni computer, ha 65535 porte dentro di se, queste porte, virtuali, proprio come quelle di casa, possono essere aperte o chiuse; aperte consentono lo scambio, dati, chiuse no.
Le porte aperte in un computer sono generalmente molto poche, in genere c’è la porta: 23 per Telnet, un programma di comunicazione, la 135, per i servizi Microsoft, la 80, per Internet, la 400, la 1025, la 1026, e varie.
Ogni porta aperta, poi cambia da computer a copmuter, dipende dai programmi che avete e dall’uso che ne fate.
I Firewall, in pratica, hanno una lista che voi dovete fornigli, di programmi che hanno l’accesso verso internet, come magari la posta elettronica, ed un sistema di controllo che non fa altro che mettersi a controllare in continuazione le porte che avete aperte e vi segnala ogni cosa anomala che accade.
Esistono molti Firewall, alcuni distribuiti gratuitamente, come ZoneAlarm o Sygate Personal Firewall, solo che naturalmente la qualità e la sicurezza sono abbastanza per gli utenti normali, altrimenti esistono molto buone alcune versioni a pagamento come il pacchetto Norton Internet Security, che però ha un costo.
Le grandi ditte, invece si affidano oltre che ad un personale specializzato, ad una macchina firewall, che non è software, ma è un’altro apparecchio che viene messo prima della linea di entrata del segnale al vostro computer, ma questa apparecchiatura ha un notevole costo.

Parte II – I Dialer

A) Cosa sono?
Tasto molto dolente, in quanto questi piccoli programmi, sono molto comuni e si espandono sempre di più, nonostante come vedremo più avanti, non siano strumenti molto leciti.
Sono dei piccolo programmi “di connessione gratuita” che si scaricano gratuitamente da internet.
Li troviamo principalmente sui siti di carattere sessuale (porno, in parole povere), ma non sono certo rari su siti dedicati a sfondi per computer e ai famosi Loghi&Suonerie oppure per lo scaricamento di programmi, ed infine come evidenziato da una retata della Polizia Postale addirittura da siti di previsioni meteorologiche.

B) Il funzionamento
Il funzionamento di questi piccoli programmi, è molto semplice, dialer in italiano significa qualcosa come “chiamatore, compositore”; infatti questi programmi, una volta attivati, hanno il solo scopo di staccare l’attuale connessione internet in uso (o di attivarla se non siete su internet) e dirottarla verso le cosiddette “Numerazioni per servizi a sovrapprezzo” ovvero verso numerazioni 144, 166, 899, 163 e 164. Talvolta cercando una interpretazione al piano di numerazione questi programmi compongono numerazioni 701, 702, 709, che per definizione dell’ultimo “Piano numerazione nazionale” sono “Numerazioni per servizi Internet”. Una volta fatto ciò, si disattivano da soli, per riattivarsi al vostro prossimo clic.
Il guaio è che talvolta questa procedura è abilmente mascherata (non esiste infatti un solo messaggio che vi informi delle operazioni in corso) oppure non viene chiaramente indicata la tariffa che andremo a pagare. Tutto ciò si ripercuote sulla bolletta telefonica dell’utente: le “Numerazioni per servizi a sovrapprezzo” infatti sono numeri assegnati da Telecom Italia a subconcessionari che rivendono queste numerazioni e che hanno un costo largamente superiore a quello della comune chiamata internet. Ad esempio chiamate su numerazioni 144, 166, 899, 163 e 164 possono arrivare a costare circa 2,50 euro al minuto più IVA, numerazioni verso 709 attualmente costano circa 0,06 euro al minuto.
Naturalmente c’è un massimo di tot minuti, solo che questo massimo è di solito fissato verso i 75 minuti, quindi alla fine dei conti viene fuori un conto purtroppo molto salato.
La fregatura (o “sola” in romanesco) è che le società che gestiscono questi programmi, pubblicano queste informazioni in caratteri piccolissimi, cossicchè risulti difficile, sia notarle che leggerle; anche se questa pratica può risultare illegale, purtroppo per il consumatore, non lo è affatto, la legge infatti stabilisce che l’informazione deve essere riportata, ma non ne specifica le dimensioni minime del carattere.

C) Aspetti legali
Come dicevamo inizialmente questi programmi non sono legali o meglio, nel migliore dei casi chi propone questi programmi commette un illecito amministrativo. Nello specifico la legislazione sulla fornitura di servizi su numerazioni telefoniche apposite viene definito dal “Piano di numerazione nazionale” definito dalla “Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni” e possiamo leggerlo a questo link http://www.agcom.it/comunicati/cs_040703.htm e per completezza anche a questo link http://www.agcom.it/provv/d_09_02_CIR.htm avremo un utile integrazione di quanto stabilito dal Piano di Numerazione Nazionale. Di interesse per quanto vedremo di seguito è il primo comma dell’articolo 4.
Il Piano di Numerazione Nazionale stabilisce chiaramente e senza problemi di interpretazioni che “Viene ribadito il divieto di offerta di servizi a sovrapprezzo per le numerazioni dedicate ai servizi di accesso a Internet (701, 702, 709)” ovvero su numerazioni 701-2-9 non puoi fornire servizi a sovrapprezzo. Le “numerazionie per servizi a sovraprezzo” vengono definite sempre dall’Autorità e sono state suddivise in 3 categorie: “1) Sociale-informativo: si tratta di servizi riguardanti pubbliche amministrazioni ed enti locali, servizi di pubblica utilità e servizi di informazione abbonati, 2) Servizi di assistenza, consulenza tecnico-professionale e di intrattenimento, 3) Servizi di chiamate di massa, quali sondaggi di opinione, televoto, servizi di raccolta fondi” escludendo così di fatto la fornitura di servizi internet e/o di connettività internet su queste numerazioni. In totale riferimento a questa legislazione recentemente la Polizia Postale ha indicato chiaramente che si può richiedere un rimborso in caso di fatturazione di servizi non autorizzati. La Polizia Postale indica i passi da eseguire per richiedere tale rimborso.
http://www.poliziadistato.it/pds/primapagina/709/index.htm
su questo sito è possibile anche scaricare il modulo per la denuncia da effettuare per ottenere il rimborso.
L’ADUC oltre a questo mette a disposizione un modulo per richiedere il rimborso e la disattivazione di tali numerazioni:
http://www.aduc.it/dyn/sosonline…
Il Senato sta per approvare un disegno di legge che senza ogni dubbio chiude questi “sfruttamenti” poco leciti:
http://www.senato.it/bgt/showDoc.asp…

D) Come difendersi
Naturalmente un rimedio c’è e consiste nel fatto di stare attenti quando navigate su internet a dei messaggi con riportato, “Installare ed eseguire XXXXX ?”, il messaggio si presenta quasi sempre con un altra parte con scritto “Autenticità verificata da XXXX”.
Spiegazione: la maggior parte delle volte, questi messaggi mascherano il download di questi cosiddetti Dialer.
Le uniche volte che possono essere “vere” queste richieste di installare e d eseguire un determinato programma, sono da parte del “Flash plugin X” di ‘Macromedia, Inc.’ e di “Windows Update versione X” da parte della ‘Microsoft’, programmi che servono, il primo per visualizzare animazioni, il secondo per aggiornare e rendere sicuro Windows. Controllate bene però che si stratti di prodotti delle rispettive società, altrimenti potrebbe essere anche un Dialer, chiamato così per scopi “poco nobili”.
Questi programmi funzionano solo per gli utenti che hanno le connessioni con il numero telefonico da comporre, infatti gli utenti xDSL, non hanno bisogno di comporre niente, poichè sono sempre connessi alla rete. Se invece disponete delle meno veloci connessioni Dialup come con modem analogico o ISDN, dovete fare molta attenzione.
E’ altrettanto vero che questo programmi funzionano solo su sistemi operativi MICROSOFT, e non su sistemi operativi su MAC o sistemi operativi Linux. Un buon consiglio è quello di installare un programma firewall per evitare l’installazione di quel tipo di dialer AUTOMATICI.
Un buon metodo per riconoscerli è guardare il nome sotto il quale si presentano, come “supersesso.exe”, “scarica.exe”, “345255.exe”, “loghi.exe” che hanno tuti in comune il fatto di essere degli exe, ovvero il formato dei programmi che usa Windows, pensateci, se dovete scaricarvi un immagine che di solito ha il formato “jpg, jpeg, gif, png”, che diavolo ci fà quell’exe??
E) Riferimenti Legislativi e modulistica varia
http://www.agcom.it/provv/d 467 00 cons.htm
Disposizioni in materia di autorizzazioni generali
http://www.agcom.it/L naz/I 59 2002.htm
Disciplina relativa alla fornitura di servizi di accesso ad internet
http://www.agcom.it/provv/d 09 02 CIR.htm
Norme di attuazione dell’articolo 1, comma 1, della legge n. 59 dell’8 aprile 2002:
Criteri di applicazione agli Internet Service Provider delle condizioni economiche dell’offerta di riferimento.
Di rilievo: Articolo 4 comma 1
http://www.agcom.it/provv/d 6 00 CIR.htm
Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa
Di rilievo: Artivolo 21
http://www.agcom.it/comunicati/cs 040703
Piano di numerazione nazionale attualmente in vigore
http://www.poliziadistato.it/pds..pds….
Modulo di querela precedente alla richiesta di rimborso.
http://www.aduc.it/dyn/sosonline/…
TELECOMITALIA: RIMBORSO TELEFONATE 70X E DISATTIVAZIONE DELLE STESSE DIRETTRICI NUMERICHE

Parte III – I Virus, cosa sono, come si suddividono, come difendersi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here