Rimedi agli errori di windows (Pagina 2)

629
602

06) Impossibile trovare il file SYSTEM.INI. Rieseguire l’installazione di Windows…
Messaggio emesso da: VMM32.VXD
Tipo: informativo, grave
Per una volta, un messaggio descrive esattamente la situazione. Il file SYSTEM.INI non è disponibile o non si trova nella directory di Windows. Se non possedete una copia di backup del file, dovrete creare un nuovo file SYSTEM.INI. Prima di procedere, cercate tuttavia un potenziale candidato alternativo nel disco rigido: molti programmi di installazione che effettuano modifiche nel file SYSTEM.INI generano una copia di riserva di quest’ultimo. Tali copie si trovano di norma nella directory di Windows e hanno solo una diversa estensione. Le estensioni utilizzate più frequentemente sono BAK, OLD, 000, ecc. Questi file con tutta probabilità non contengono le impostazioni più aggiornate, ma sono sempre meglio di niente. Se tali file non sono disponibili e se non possedete alcuna copia di backup, è necessaria una nuova installazione di Windows, nel corso della quale v’erra generato un file SYSTEM.INI funzionante senza problemi. Premendo un qualsiasi tasto, ravvio del sistema operativo non prosegue, ma viene semplicemente visualizzato il logo di chiusura del sistema. Il computer deve essere riavviato: quando apparirà il messaggio ‘Avvio di Windows 95 in corso… , premete il tasto F8 per accedere al Menu di avvio di Microsoft Windows 95; scegliete quindi Prompt dei comandi con supporto di rete e cercate nella directory di Windows i possibili candidati sostitutivi del file mancante. Un evento speciale è correlato alla mancanza di un file SYSTEM.INI: se, eliminando o rinominando i file LOGOW.SYS e LOGOS.SYS, avete fatto in modo che alla chiusura di Windows vengano visualizzate solo le due righe anziché il logo, al successivo avvio non verrà presentato alcun messaggio che indica la mancanza del file SYSTEM.INI. Windows verrà eseguito apparentemente senza problemi, ma dopo un certo intervallo di tempo subirà un brusco arresto. Stranamente l’avviso che rivela l’irreperibilità del file SYSTEM.INI non apparirà più.

……………………………………………………………………..

07) Errore durante l’accesso al registro di configurazione del sistema ….
Messaggio emesso da: SYSDM.CPL
Tipo: da grave a fatale

Il registro di configurazione si trova in questo caso veramente in cattive acque o addirittura non esiste più. All’avvio di Windows 95, di norma viene creata una copia di backup delle due parti principali del registro di configurazione, SYSTEM.DAT e USER.DAT. Se le copie SYSTEM.DA0 e USER.DA0 sono in buono stato Windows 95 riesce a ricostruire fedelmente il registro di configurazione. Se scegliete il pulsante “Recupera lo stato da backup e riavvia il sistema”, i file di riserva con l’estensione DA0 verranno copiati rispettivamente in SYSTEM.DAT e in USER.DAT e il computer verrà riavviato. Tutte le modifiche che sono state apportate nel corso dell’ultima sessione di lavoro andranno perse. Se siete stati in grado di ripristinare il registro di configurazione in questo modo, non dovreste rimpiangere troppo a lungo le eventuali impostazioni che sono andate perdute: poteva andare molto peggio, come si vede dall’errore seguente.

08) Impossibile ripristinare il registro di configurazione. Errore su disco o..Messaggio emesso da: SYSDM.CPLTipo: fatale

Questo messaggio di Windows 95 significa che non sono disponibili copie di backup utilizzabili dei file SYSTEM.DAT/USER.DAT (ovvero del registro di configurazione), quindi che anche i file SYSTEM.DA0/USERDA0 sono in uno stato indefinibile. A questo punto, la questione decisiva è se voi abbiate provveduto a creare copie di backup del registro di configurazione; se non appartenete a quella categoria di fortunati che, a intervalli più o meno regolari, mettono al sicuro il database del registro di configurazione, non avete scampo: non vi rimane altro che installare nuovamente il sistema operativo. Se, tuttavia, siete stati abbastanza prudenti da conservare almeno una copia integra del registro di configurazione, sarete in grado (a seconda dell’età delle copie di backup e del metodo di sicurezza adottato) di ripristinare lo stato originario del sistema senza dover reinstallare Windows 95. (Ovviamente dovrete riavviare il sistema usando il solito disco di ripristino e quindi copiare i file USER. DAT e SYSTEM.DAT nella directory di Windows). Non ha importanza sostanziale se la copia di backup è stata registrata come file DAT da trasferire nella directory di Windows o come file REG da leggere con Regedit. Come mostra il prossimo messaggio di errore di Windows, la copia dei file DAT è tuttavia molto più semplice e sicura.

……………………………………………………………………..

09) Impossibile importare il registro di configurazione …
Messaggio emesso da: REGEDIT.EXE
Tipo: grave

Se Windows non può più essere avviato a causa degli errori del registro di configurazione e se non esiste una copia di backup dei file .DAT la versione DOS di REGEDIT.EXE può dare la salvezza. Naturalmente, la premessa è che esista un file di backup completo di tipo .REG, che potrebbe quindi essere letto con “REGEDIT /c copia.reg”. Tuttavia, in pratica, Regedit usato in DOS, con la relativa memoria convenzionale esigua, si rivelerà spesso inadeguato. La lettura dei file .REG (di dimensioni consistenti) naufraga sovente in un messaggio di memoria insufficiente o, peggio ancora, arriva solo a una percentuale limitata del file o, ancora, termina con un blocco del sistema. È quindi meglio, in caso di errori del registro di configurazione, avviare Windows 95 in modalità provvisoria e leggere così il file di backup (usando il comando Importa File del Registro di Configurazione). Tuttavia, poiché Regedit in Windows non possiede la funzione “Crea’ come in DOS (interruttore/c), anche questo metodo ha uno svantaggio: le voci errate verranno corrette solo se il file di backup possiede voci corrispondenti esatte; il codice difettoso che non ha l’equivalente nella copia di backup rimarrà immutato. Se perciò non riuscite a creare un “registro” funzionante con Regedit in modalità provvisoria, potete provare la seguente operazione: create una copia di backup di SYSTEM.DAT e USER.DAT quindi generate un nuovo registro di configurazione in DOS puro con regedit /C anche se questo vi riuscirà solo in parte e Regedit presenterà un qualche messaggio di errore; ignorate questo avviso, avviate Windows in modalità provvisoria e leggete ancora una volta i file di backup.

……………………………………………………………………..

10) La destinazione non supporta i nomi di file lunghi…
Messaggio emesso da: SHELL32.DLL
Tipo : fastidioso

Esistono due varianti di questo messaggio, di cui vi presentiamo la più seria, determinata dal tentativo di copiare file dal disco locale a un’unità di rete che non supporta i nomi di file lunghi. Il messaggio appare proprio in fase di trasferimento di dati su un pc con Windows 3.11. Il problema è banale, ma può diventare irritante se scegliete la modalità di copia automatica: Windows abbrevia infatti secondo la propria logica tutti i file da copiare, conformandoli alla convenzione 8+3. Se i file di destinazione vengono numerati, la loro successiva identificazione sarà notevolmente problematica. È in ogni caso preferibile assegnare a ciascun singolo file un nome breve che corrisponda alla numerazione originaria.

……………………………………………………………………..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here